20 anni di Yahoo!

20 anni di Yahoo!

Yahoo!, una delle piattaforme che hanno fatto la storia del Web, ha compiuto in suoi primi 20 anni di vita lo scorso 2 marzo; correva infatti l'anno 1995 quando David Filo e Jerry Yang crearono la prima versione del motore di ricerca che oggi è soltanto una parte del progetto di Sunnyvale; il ventennale verrà celebrato in tutto il Mondo con feste che coinvolgeranno l'Italia il 12 marzo.

L'evoluzione che nel tempo ha portato Yahoo! a trasformarsi da un semplice motore di ricerca ad un provider di servizi è stata caratterizzata da exploit incredibili come il debutto in Borsa e l'offerta di acquisto da parte di Microsoft pari a 50 miliardi di dollari, ma anche da momenti di crisi in parte superati da quando l'azienda ha deciso di non concentrarsi più sulla sua sfida contro Google.

Continua dopo la pubblicità...

Se infatti il mercato delle query è oggi più che in passato apannaggio di quest'ultimo, Yahoo! è invece riuscita a trovare nuove strade e nuove occasioni di business in altri settori come per esempio quello della condivisione fotografica, con Flickr, e del blogging, come Tumblr, piattaforma acquistata per 1.1 miliardi di dollari sotto la guida di Marissa Mayer.

Sempre durante il periodo contrassegnato dalle decisioni dell'ex dirigente di Google, Yahoo! ha chiuso quello che un tempo era uno dei suoi progetti più importanti, una gigantesca directory di siti Web dismessa a fine 2014; contestualmente quello di Sunnyvale è divenuto il motore di ricerca di default di Firefox dopo la scadenza degli accordi con Mountain View.

Quali saranno le scelte che determineranno il futuro del gruppo? Yahoo!, che deve recuperare molto del terreno perduto in campo finanziario (le sue azioni valgono ora meno di un decimo rispetto alla quotazione dei tempi d'oro), punterà molto probabilmente sul providing di servizi per il mobile, un comparto per il quale ha già effettuato importanti acquisizioni.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.