5G: 2.6 miliardi di abbonamenti nei prossimi 5 anni

5G: 2.6 miliardi di abbonamenti nei prossimi 5 anni

Le stime contenute nell'ultima edizione del Mobility Report di Ericsson parlano di non meno di 2.6 miliardi di abbonamenti a connessioni 5G entro il 2025. Entro il prossimo quinquennio la copertura garantita dal nuovo standard per le reti dati dovrebbe essere pari a quasi 2/3 della popolazione mondiale, arrivando a gestire il 45% del traffico globale.

Per il momento i numeri generati dal 5G sono ancora molto ridotti, su scala planetaria non si conterebbero infatti più di 16 milioni di abbonamenti. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratterebbe di utenze attivate nella Corea del Sud, dove il 5G è disponibile da aprile, e nella Cina, dove le nuove connessioni sono accessibili da ottobre.

Cifre molto più elevate dovrebbero essere registrate nel corso del prossimo anno, quando le sottoscrizioni basate sul 5G dovrebbero attestarsi sulle 160 milioni di unità. Anche in questo caso si tratterà quasi eclusivamente di abbonamenti attivati in Cina, mentre il mercato occidentale dovrebbe contribuire soltanto negli anni successivi.

Nonostante le infrastrutture di rete siano per la maggior parte ancora in fase d'implementazione, i provider 5G abilitati sarebbero già più di una cinquantina a livello mondiale. Se tutto dovesse andare come previsto da qui ai prossimi 5 anni il 5G dovrebbe coinvolgere quasi il 75% delle utenze statunitensi e il 55% di quelle del Vecchio Continente.

Continua dopo la pubblicità...

Per gli svilupatori la diffusione del 5G rappresenterà una nuova e importante occasione di lavoro, basti pensare che entro il 2025 i dispositivi IoT (Internet of Things) circolanti dovrebbero essere più di 5 miliardi. Gli oggetti connessi censiti ad oggi sarebbero circa 1.3 miliardi, quindi il futuro tasso di crescita su base annuale dovrebbe attestarsi intorno al 25%.

  • Argomenti:

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.