5G: Italiani timorosi ma non troppo

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteCOVID-19: il passaporto per i vaccinati in un'App
  • SuccessivoSodinokibi: riscatti per più di 130 milioni di dollari
5G: Italiani timorosi ma non troppo

Gli analisti di Prolifics Testing hanno deciso di classificare le popolazioni dei vari paesi in base alla diffidenza della popolazione locale riguardo al 5G, per ottenere tale risultato hanno utilizzato come riferimento il dato relativo alle ricerche effettuate dagli utenti sui possibili danni di questo nuovo standard per le connesioni tramite dispositivi mobile e non solo.

I cittadini più preoccupati dei possibili danni alla salute derivanti dall'uso del 5G sono quelli degli USA

Dai dati raccolti emergerebbe che i cittadini più preoccupati dal 5G, e plausibilmente anche meno informati sui suoi reali effetti a carico della salute, sarebbero quelli degli Stati Uniti seguiti da quelli del Regno Unito e dagli Australiani. L'Italia si piazzerebbe invece in nona posizione prima dei cugini transalpini ma dopo la popolazione sudafricana.

Il risultato italiano andrebbe comunque valutato anche in base al numero degli abitanti, la Gran Bretagna vanta una popolazione più o meno simile a quella della Penisola ma avrebbe prodotto molte più ricerche (oltre 93 mila contro poco meno di 13 mila), nello stesso modo l'Australia con molto meno della metà della popolazione italiana avrebbe registrato quasi il triplo delle ricerche.

Le ricerche prese in considerazione per la rilevazione farebbero riferimento ad alcuni macrogruppi riguardanti "la pericolosità del 5G", "la sicurezza del 5G", "i danni per la salute del 5G" e "il rapporto tra 5G e COVID-19". E' noto infatti quanto nel corso del 2020 siano circolate facilmente fake news riguardanti un rapporto di causa/effetto tra pandemia e installazione dei ripetitori 5G.

Continua dopo la pubblicità...

Con tutta probabilità molti dei timori totalmente infondati riguardanti il 5G finiranno per essere archiviati una volta che quest'ultimo diventerà uno standard per le comunicazioni, a riprova della falsità di alcune tesi è infatti utile ricordare che proprio il Coronavirus è stata la causa di forti ritardi nell'implementazione delle infrastrutture di rete per il 5G.

  • Argomenti:

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.