675mila dollari di risarcimento per i 30 brani scaricati

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle Wallet è pronto per il lancio
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
675mila dollari di risarcimento per i 30 brani scaricati

Joel Tenenbaum è un giovane statunitense che deve fare i conti con uno dei più temibili nemici del file sharing, la RIAA (Recording Industry Association of America); quest'ultima infatti pretende da lui un risarcimento pari a 675 mila dollari per aver scricato illegalmente 30 brani musicali.

Inizialmente sembrava che la buona sorte fosse almeno parzialmente dalla parte del giovane, nel 2010 un giudice aveva infatti respinto in parte le richieste della RIAA diminuendo l'ammontare del risarcimento previsto di 10 volte: 67.500 dollari.

Ora però, grazie al pronunciamento di una corte d'appello dello stato del Massachusetts, la richiesta da parte del denunciante potrebbe essere ripresentata rivendicando ancora una volta il pesante importo risarcitorio iniziale.

Tenenbaum potrebbe quindi trovarsi nella scomodissima situazione di chi è costretto a pagare oltre 22 mila dollari per ogni brani scaricato tramite P2P, la RIAA potrebbe comunque rinunciare a perseguirlo ulteriormente e "accontentarsi" del risarcimento precedentemente ridotto... che comunque resta una gran bella sommetta da pagare per una trentina di canzoni!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.