Adobe: basta Flash, usate HTML5

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteRyanair accusa Google di pubblicità ingannevole
  • SuccessivoWikipedia punta sull'Intelligenza Artificiale
Adobe: basta Flash, usate HTML5

Negli ultimi anni la tecnologia Flash, in passato un standard di fatto per la realizzazione di animazioni destinate al Web, è stata oggetto di una vera e propria diaspora da parte dei produttori di dispositivi mobili (non è compatibile con iOS e Android) ed è stata più volte segnalata dai browser vendor per i troppi limiti dal punto di vista della sicurezza.

Forse stanchi di dover difendere quella che si sarebbe ormai dimostrata una tecnologia in via di dismissione, gli stessi responsabili della Adobe avrebbero sostenuto di recente che per gli sviluppatori sarebbe meglio utilizzare un'alternativa come HTML5 e sfruttare gli standard Web più recenti quali CSS e JavaScript.

Continua dopo la pubblicità...

Quasi a dimostrazione delle nuova presa di coscienza da parte della casa madre, la stessa applicazione un tempo denominata Flash Professional CC sarebbe stata rinominata in Animate CC, un modo come un altro per sottolineare quanto ormai il plugin Flash Player non conservi più un ruolo centrale nei suoi progetti commerciali.

E' comunque utile precisare che, almeno per il momento, Adobe non avrebbe alcuna intenzione di abbandonare Flash al suo destino, esso continuerà ad essere disponibile, dovranno essere invece gli stessi developers e gli animation makers a decidere se rinunciare definitivamente ad essa per il proprio lavoro di sviluppo.

I portavoce di Adobe avrebbero inoltre sottilineato di voler collaborare attivamente con alcune grandi aziende come per esempio la Casa di Redmond, Menlo Park e Mountain View per rendere Flash una tecnologia molto più sicura che in passato; motivo per il quale essa dovrebbe continuare ad essere utilizzata anche nel prossimo futuro per il video e il web gaming.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.