ADUC contro i filtri sul P2P

L'associazione per i diritti dei consumatori ADUC denuncia come pratica illegale l'imposizione di filtri da parte dei providers di connessione Internet; questi impedirebbero o limiterebbero l'utilizzo di alcuni programmi come quelli destinati alla condivisione di contenuti.

ADUC non nega l'esigenza degli ISP di limitare parte della banda disponibile per evitare l'intasamento nel traffico di Rete, ma contesta il fatto che i filtri vengano applicati appositamente su determinati software e servizi.

Continua dopo la pubblicità...

L'Associazione richiede quindi che vengano applicati dei criteri obbiettivi nelle regole di limitazione del traffico, se il P2P consuma parecchia banda allora lo stesso discorso dovrà essere fatto per le trasmissioni Tv in streaming.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.