Amazon: crescita sostenuta, ma non da record

Amazon: crescita sostenuta, ma non da record

Quando si parla di Big Company e trimestrali gli investitori attendono sempre numeri che testimonino forti incrementi in termini di utili e fatturato, soprattutto se si parla di colossi come Amazon. Ma non sempre questo accade, così può succedere che risultati sostanzialmente buoni non riescano a suscitare entusiasmo presso i mercati.

Stando alle cifre presentate dal gruppo di Jeff Bezos, nel corso dell'ultimo quarto i ricavi sarebbero stati pari a 70 miliardi di dollari grazie ad una crescita del 24% rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. Per quanto riguarda invece il giro d'affari di AWS (Amazon Web Services), la divisione Cloud avrebbe incamerato circa 9 miliardi di dollari.

Continua dopo la pubblicità...

Le notizie riguardanti l'utile netto sarebbero state però meno entusiasmanti: "appena" 2.1 miliardi di dollari, in pratica 26 punti in meno rispetto al medesimo trimestre del 2018. Le ragioni di questo calo sarebbero giustificabili tenendo conto degli importanti investimenti effettuati per migliorare i servizi legati al commercio elettronico e al già citato Cloud.

A quanto detto si aggiungano le previsioni relative agli ultimi 3 mesi del 2019, i più importanti dell'anno perché coincidenti con il periodo dello shopping natalizio. Il prossimo quarto dovrebbe chiudersi con una flessione sia per quanto riguarda il fatturato (tra gli 80 e gli 86.5 miliardi contro stime precedenti pari a 87.4) che i profitti (tra gli 1.2 i 2.9 miliardi invece di 4.2).

Le notizie più incoraggianti arriverebbero da AWS la cui capacità di generare ricavi sarebbe crescita del 35% su base annua, un incremento che però non sarebbe stato sufficiente a rassicurare gli azionisti (lo testimonierebbe un -9% in after hours a Wall Street) in quanto la crescita registrata nel quadriennio precedente era stata nettamente più sostenuta.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.