Anche Anonymous partecipa alla rivolta greca

Anche Anonymous partecipa alla rivolta greca

Come è noto in questo momento la nazione greca sta attraversando uno dei periodi più difficili della sua storia, per evitare il fallimento le autorità del Paese sono obbligate ad adottare pesanti misure di austerity e la popolazione è scesa in piazza per quella che sembra, in tutto e per tutto, una rivolta popolare contro la politica e le autorità.

Ai rivoltosi si è associata anche la crew di hacktivisti di Anonymous, quest'ultima si sarebbe infatti resa responsabile di attacchi contro i server di numerose istituzione greche; nulla sarebbe stato risparmiato, dai siti delle banche a quelli della polizia, dalle pagine Web dei partiti politici a quelle governative.

Tra gli obiettivi sensibili colpiti dal gruppo simboleggiato tramite la maschera del bombarolo inglese Guy Fawkes vi sarebbero stati anche il sito Internet del Ministero delle Finanze, quello della più importante emittente pubblica nazionale e quelli di numerosi ministri.

Le azioni svolte da Anonymous in Grecia non sarebbero dovuti soltanto ad una presa di posizione in favore della popolazione locale, ma anche alla volontà di lanciare un importante segnale contro la recente adesione dell'Unione Europea all'ACTA.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.