Anche PosteMobile ha la sua SIM per l'NFC

Anche PosteMobile ha la sua SIM per l'NFC

I responsabili del gruppo Poste Italiane hanno reso nota la disponibilità di una nuova scheda telefonica SIM appositamente studiata per consentire l'esecuzione di pagamenti virtuali attraverso il sistema di comunicazione a cortissimo raggio denominatoNFC (Near Field Communication); il dispositivo lavorerà in associazione con l'applicazione di Poste per i dispositivi mobili.

Come comunicato dai portavoce della compagnia, le SIM con il supporto della tecnologia NFC consentiranno di pagare velocemente gli acquisti di beni e servizi tramite una procedura estremamente semplice e l'utilizzo di uno smartphone; per il momento i punti vendita abilitati all'impiego di tale feature dovrebbero essere quelli che hanno attivato il Mobile Wallet dell'azienda stessa per cellulari.

Continua dopo la pubblicità...

Sostanzialmente, questa nuova SIM sarebbe stata studiata per ampliare le funzionalità già messe a disposizione a suo tempo da un precedente device compatibile con l'NFC rilasciato circa 2 anni fa; ora infatti la scheda sarebbe in grado di digitalizzare la carta Postamat, o quela Postepay, senza più la necessita di disporre di un ulteriore dispositivo esterno per il pagamento.

Essendo collegato direttamente al gruppo Poste Italiane, il progetto Poste Mobile può quindi contare sulla doppia natura commerciale di quest'ultimo; a livello di servizio per l'utenza esso infatti funge sia da istituto di credito che da provider per le comunicazioni telefoniche e dati. Da qui l'esigenza di adeguarsi a soluzioni avanzate come l'NFC.

La SIM del gruppo nostrano fa il suo esordio nello stesso periodo in cui debutta sul mercato dei pagamenti una soluzione come Apple Pay della Casa di Cupertino, anch'essa basata su NFC ma limitata dal fatto di non aver ancora costruito una rete di esercenti abilitati abbastanza ampia da poter soddisfare le esigenze di milioni di potenziali utilizzatori.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.