Un anno per dire addio a Windows 7

Un anno per dire addio a Windows 7

La Casa di Redmond ha reso noto che il sistema operativo Windows 7 verrà supportato ancora per un anno, una volta raggiunta la scadenza prevista non verranno più distribuiti aggiornamenti di sicurezza dedicati a questa piattaforma. Rilasciato nell'ottobre del 2009, Windows 7 è stato per diverso tempo l'OS Microsoft più utilizzato al Mondo per lasciare solo di recente il primato a Windows 10.

Ad oggi si dispone già di una data precisa, perché come dichiarato dall'azienda californiana: "Tutte le cose belle giungono a una fine, persino Windows 7. Dopo il 14 gennaio 2020, Microsoft non fornirà più aggiornamenti della sicurezza o supporto tecnico per i PC con Windows 7. Però puoi passare a Windows 10 senza rimpianti.".

Continua dopo la pubblicità...

Windows 7 è già per alcuni aspetti un sistema datato, gli sviluppatori di Microsoft avevano infatti smesso di implementare nuove funzionalità per esso già nel gennaio del 2015. Come accaduto per le piattaforme precedentemente rilasciate, si è comunque continuato a garantire le patch di sicurezza pur consigliando una migrazione a Windows 10.

Le aziende che per questioni organizzative, motivazioni legate alla compatibilità software/hardware o altre ragioni volessero continuare ad utilizzare Windows 7 avranno comunque la possibilità di aderire al programma a pagamento Windows 7 Extended Security Updates, ricevendo così aggiornamenti fino al gennaio del 2023.

A tal proposito è bene ricordare che i Windows 7 Extended Security Updates (per le versioni Professional eEnterprise) prevedono un prezzo variabile a seconda del numero di device da aggiornare. Inoltre il costo di questo servizio è destinato ad aumentare gradualmente man mano che ci si avvicina all'ultimo anno di supporto.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.