App Store: gli utenti spendono più per le App che per i giochi

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle: un bug (risolto) nasconde i contenuti recenti
  • SuccessivoMicrosoft: il software Open Source si può vendere
App Store: gli utenti spendono più per le App che per i giochi

Stando ai dati messi a disposizione da Sensor Tower, per la prima volta il ricavato dagli abbonamenti alle applicazioni avrebbe superato quello dei mobile game pubblicati sull'App Store. Ciò sarebbe il risultato di un cambiamento introdotto da Apple che consente di rinnovare automaticamente le sottoscrizioni anche in presenza di aumenti di prezzo.

Tale modalità è comunque sottoposta ad alcune regole che impediscono di imporre incrementi troppo elevati, questi ultimi, ad esempio, non possono superare i 5 dollari o il 50% del prezzo orginale per gli abbonamenti settimanali e mensili così come i 50 dollari (o il 50% del prezzo orginale) nel caso degli abbonamenti su base annuale.

Gli abbonamenti si rinnovano in autoamatico

In tal modo è stata abolita la policy che precedentemente obbligava gli sviluppatori di richiedere il consenso degli utilizzatori in presenza di un qualsiasi aumento, anche minimo. Questo significa che gli utenti dovranno fare molta attenzione alle notifiche ricevute dalle applicazioni se non desiderano rinnovare un abbonamento divenuto più caro.

Per quanto riguarda invece le entrate generate dall'App Store, l'ultima rilevazione indica una quota pari al 50.3% a favore delle applicazioni relegando i giochi mobile al secondo posto. Il calcolo è stato effettuato tenendo conto non solo delle già menzionate sottoscrizioni, ma anche degli acquisti in-App e di altre funzionalità a pagamento come per esempio quelle che consentono di rimuovere l'advertising.

La stessa Casa di Cupertino avrebbe invitato gli sviluppatori del proprio ecosistema a limitare quanto più possibile la monetizzazione basata su singoli acquisti e transazioni di piccola entità (basti pensare alle loot box dei giochi mobile), favorendo nel contempo l'offerta di contenuti e feature in abbonamento, anche basata su tagli e tariffe differenti.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti