Apple News+: il servizio editoriale di Cupertino

Apple News+: il servizio editoriale di Cupertino

La Casa di Cupertino ha finalmente annunciato le caratteristiche di Apple News+, il suo aggregatore editoriale che permetterà di accedere in abbonamento ad oltre 300 testate informative tra periodici e quotidiani. Il lettore potrà accedere al servizio tramite l'applicazione Apple News e riceverà consigli sulla consultazione in base alle proprie preferenze.

Da questo punto vista l'azienda guidata da Tim Cook, che ha presentato la novità durante un evento tenutosi presso lo lo Steve Jobs Theater, ha voluto essere molto chiara: le abitudini degli utenti verranno analizzate soltanto per offrire un servizio su misura, mentre in nessun caso le informazioni raccolte verranno cedute a terzi per finalità di profilazione.

Continua dopo la pubblicità...

I fan italiani della Mela Morsicata dovranno attendere qualche tempo prima di poter accedere alla piattaforma, inizialmente infatti essa sarà fruibile soltanto negli Stati Uniti e in Canada con testate localizzate in Inglese e Francese. E' stato sicuramente già pianificato un ampliamento ad altri mercati, ma per il momento non sarebbe disponibile alcuna tempistica.

Stando così le cose è probabile che i prossimi Paesi raggiunti da Apple News+ saranno la Gran Bretagna e l'Australia, i prezzi verranno modulati in base alle valuta locale a partire dalla formula prevista per gli USA che prevede un abbonamento mensile pari a 10 dollari (per la precisione 9.99) al mese, primo mese di prova gratuito per testare la qualità del servizio.

Il costo del servizio, paragonabile a quelli praticati dalle piattaforme di video streaming a pagamento, consentirà di accedere illimitatamente a tutti i contenuti offerti dagli editori coinvolti nel progetto. L'opzione "In famiglia" consentirà di condividere uno stesso account con altri sei componenti del medesimo nucleo familiare senza uteriori esborsi di denaro.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.