Apple: niente CAPTCHA con Private Access Tokens

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle Analytics è "illegale" in Italia. Decisione shock del garante della Privacy!
  • SuccessivoMeta: nuove regole contro le false recensioni
Apple: niente CAPTCHA con Private Access Tokens

Superare i CAPTCHA (Completely Automated Public Turing test to tell Computers and Humans Apart) è una delle procedure più noiose che un utente possa affrontate durante la navigazione su Internet, soprattutto quando per dimostrare di non essere un Robot bisogna andare a caccia di piccoli particolari all'interno di un'immagine.

Per questo motivo la Casa di Cupertino ha deciso di implementare una nuova funzionalità, chiamata Private Access Tokens, che integra uno strumento per la verifica automatica dell'utente con la quale si possono bypassare i controlli effettuati tramite CAPTCHA. Si pensi per esempio all'invio dei form presenti su siti Web o applicazioni mobile.

Tale feature, denominata Automatic Verification, è stata integrata dagli sviluppatori in iOS 16 e iPadOS 16 per iPhone e iPad, nonché nell'ultima versione del sistema operativo Desktop macOS che prende il nome in codice di "Ventura". La tecnologia Private Access Tokens è poi frutto di una collaborazione tra Apple, Fastly e Cloudflare.

A livello tecnico la verifica automatica si basa su tre elementi: un account su iCloud, disponibile per chiunque possieda un dispositivo prodotto dalla Mela Morsicata, un Apple ID, cioè l'account utilizzabile per accedere a tutti i servizi dell'azienda californiana, e un token crittografico contenente le informazioni cifrate riguardanti l'identità dell'utente.

Come specificato nelle scorse ore dai responsabili del progetto, Private Access Tokens è stata sviluppata tenendo conto delle esigenze di tutela della privacy, per questo motivo nessun dato (ad esempio l'indirizzo IP o l'indirizzo di posta elettronica e il numero di telefono collegati all'Apple ID) viene comunicato al provider del CAPTCHA.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti