Apple perde il primato dell'innovazione

Apple perde il primato dell'innovazione

L'ultima edizione della classifica di Fast Company dedicata alle aziende più innovative non vede questa volta Apple in posizione di primato, un risultato dovuto in particolare al fatto che nel corso degli ultimi anni la Casa di Cupertino avrebbe faticato a proporre nuovi dispositivi e piattaforme in grado di rivoluzionare e guidare il mercato High Tech.

Apple solo 17° nella classifica delle aziende più innovative

Ad oggi il gruppo capitanato da Tim Cook non arriverebbe oltre il 17° posto della "World's 50 Most Innovative Companies". Ad evitare un piazzamento ancora peggiorre sarebbero stati gli ottimi riscontri ottenuti con il lancio del processore A12 Bionic, il primo chipset a 7 nanometri appositamente progettato per l'integrazione negli smartphone.

Probabilmente non stupisce scoprire al primo posto un'azienda cinese, parliamo nello specifico della Meituan Dianping divenuta in breve tempo un vero e proprio colosso del commercio elettronico e del food delivery. Seconda posizione per Grab, società di Singapore che offre un servizio di logistica tramite applicazioni mobili oggi utilizzato in grand parte del Sud-Est asiatico.

I big sono i grandi assenti: si salvano solo Twitch e Square

Da notare come nei primi 10 posti della classifica non compaino i nomi delle Big Company più note (Google, Facebook, Microsoft..), andrebbe però segnalata la presenza di Twitch che grazie al successo del suo servizio per il live streaming (collegato in particolar modo al videogaming) è entrata a far parte della famiglia di Amazon.

Continua dopo la pubblicità...

Menzione d'onore per Square che ha tra i suoi fondatori anche Jack Dorsey, uno dei creatori di Twitter. La piattaforma concorrente di PayPal sarebbe riuscita a conquistare l'ottavo posto grazie ai suoi continui sforzi per rendere i pagamenti elettronici più user friendly, superando la diffidenza di chi ancora nutre perplessità riguardo a tali servizi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.