In arrivo i rimborsi per i contrassegni SIAE?

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteSorpasso in casa Apple, iOS supera Mac Os X
  • SuccessivoiTunes: impennata nei prezzi per i brani di Whitney Houston

Come è noto a tutti coloro che hanno acquistato legalmente contenuti audio, video e software registrati su supporto magnetico, nel nostro Paese è stato fatto obbligo per anni di apporre su CD e DVD il contrassegno SIAE (Società Italiana Autori ed Editori).

Ciò che forse non è noto, pur essendo ben più grave, è che le aziende distributrici di tali contenuti hanno speso ogni anno milioni di Euro per l'acquisto del poco amato contrassegno; si parla di 70 milioni di Euro sborsati tra i 2000 e il 2007; ora una sentenza potrebbe però spianare la strada ai rimborsi.

Continua dopo la pubblicità...

Nel novembre del 2007 la Corte di Giustizia dell'Unione Europea aveva dichiarato illegittimo l'obbligo di apposizione del contrassegno; a tale decisione non fece però seguito dalla SIAE anche quella di rimborsare i soldi precedentemente versati dai distributori.

A questo proposito è dovuto quindi intervenire il Consiglio di Stato che, con una sentenza del 2 febbraio scorso, ha stabilito che né la SIAE né il Governo potranno geciderea la destinazione dei soldi pagati per i contrassegni, un giudice terzo potrebbe quindi spianare la stada ai rimborsi.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.