Arvind Krishna è il nuovo CEO di IBM

 Arvind Krishna è il nuovo CEO di IBM

A breve Ginni Rometty non sarà più la CEO di IBM, dopo 8 anni al vertice della compagnia al suo posto dovrebbe entrare in carica Arvind Krishna. Quest'ultimo, entrato a far parte del gruppo nel 1990, ha capitanato le divisioni Cloud e Cognitive Software con il ruolo di vice presidente senior e il suo nome sarebbe stato già confermato dal board di Armonk.

Krishna, che ha 57 anni ed è di origini indiane come i più noti Sundar Pichai (Alphabet) e Satya Nadella (Microsoft), è stato uno dei maggiori promotori dell'acquisizione di Red Hat da parte di IBM, operazione risalente allo scorso luglio che costò ben 34 miliardi di dollari accelerando l'ingresso della multinazionale nel mercato del Cloud.

Continua dopo la pubblicità...

Allo stesso Krishna si devono anche un quindicina di brevetti registrati come co-autore. Si tratta di una figura molto rispettata sia in ambito tecnico che finanziario, tanto che dopo la notizia della sua nomina il titolo azionario di IBM avrebbe registrato un incremento pari a 5 punti percentuali confermando le previsioni ottimistiche degli investitori.

Se tutto dovesse andare come previsto dal consiglio di amministrazione, il nuovo CEO dovrebbe entrare ufficialmente in carica il 6 aprile 2020. Finirà così l'era di Ginni Rometty salita al vertice di un'azienda che ha oltre un secolo di storia nel 2012, a differenza di Krishna la sua formazione è stata fortemente orientata al marketing e al comparto vendite.

Rometty, 62 anni, è inoltre presidente di IBM, carica che passerà nelle mani dell'ex CEO di Red Hat Jim Whitehurst. Nel corso degli ultimi anni il gruppo è stato coinvolto in importanti cambiamenti, come per esempio la cessione della divisione System X (socket server) a Lenovo per 3.2 miliardi di dollari durante il gennaio del 2014.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.