Assicurazioni: prime micro-polizze basate sulla Blockchain

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteWeb advertising al 37% del mercato pubblicitario italiano
  • SuccessivoApple acquisisce la divisione modem di Intel?

CeTIF – Università Cattolica e Reply hanno dato vita ad un nuovo progetto in collaborazione con alcuni istituti assicurativi e bancari con lo scopo di lanciare una sperimentazione finalizzata all'introduzione delle tecnologie basate sulla Blockchain per l'erogazione e la gestione delle micro-polizze. L'iniziativa mira a testare l'utilità degli smart contracts anche in questo settore.

Tre le banche coinvolte (Banca Mediolanum, Banca Popolare di Sondrio e UBI Banca) e 4 le assicurazioni (Mediolanum Assicurazioni, Cargeas Assicurazioni, Nobis Filo Diretto e Reale Mutua). A livello tecnico l'implementazione del sistema viene effettuata invece nel contesto dell'Insurance Blockchain Sandbox, un ambiente isolato per garantire la massima sicurezza nello scambio di dati.

Continua dopo la pubblicità...

Ma perché utilizzare le DLT (Distributed Ledger Technology) per le polizze assicurative? L'intenzione è quella di sfruttare la Blockchain per garantire dei processi di business che siano certificati, completamente automatizzati e quanto più possibile trasparenti dal momento della stipula del contratto con il cliente fino all'eventuale liquidazione.

L'impiego delle tecnologie distribuite dovrebbe apportare ad una maggiore semplificazione sia in fase di emissione che per quanto riguarda la registrazione dei pagamenti e la gestione delle pratiche relative ai sinistri. In questo senso potrebbe aversi sia un risparmio per l'utenza che una maggiore capacità di scongiurare le truffe assicurative.

I settori inizialmente interessati dal progetto saranno quelli della copertura dai rischi di maltempo durante i viaggi, dei disagi derivanti dai ritardi aerei e della mancata consegna dei bagagli. Le prime sottoscrizioni dovrebbero essere formulate entro luglio 2019, ma data la fase di sperimentazione l'accesso al sistema sarà garantito soltanto ad alcuni utenti selezionati.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.