Booking.com acquista eBuddy

Booking.com, uno dei servizi più noti tra quelli che permettono le prenotazioni alberghiere online, avrebbe acquistato eBuddy; ma perché una piattaforma turistica avrebbe dovuto far proprio l'ormai decaduto client Web based per la messagistica istantanea?

In realtà i vertici di Booking.com sarebbero interessati essenzialmente ai dipendenti di eBuddy e alle loro competenze in ambito informatico, per cui questi dovrebbero essere inglobati nell'organigramma della nuova proprietà e destinati a nuovi compiti.

eBuddy, che comunque nel corso della sua storia ha potuto contare su centinaia di milioni di utilizzatori sparsi in tutto il Mondo, dovrebbe essere semplicemente dismesso; per il progetto non vi sarebbe quindi alcun futuro nonostante il passaggio di mano.

Realizzato in Olanda grazie ad una collaborazione tra i fondatori Paulo Taylor, Jan-Joost Rueb e Onno Bakker, eBuddy esiste dal 2003 e per anni si è imposto come una soluzione alternativa ai programmi per l'instant messaging dei colossi del Web.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.