La Camera approva la Google Tax

  • ForumDiscuti sul forum
  • Precedente100 milioni alla SIAE con la nuova tassa sui dispositivi
  • SuccessivoGoogle Tips per utilizzare megli i servizi di Google
La Camera approva la Google Tax

Nonostante le molte (e ragionevoli) perplessità suscitate, l'emendamento alla Legge di stabilità tristemente noto come "Google Tax" è stato approvato dalla commissione Bilancio della Camera dei Deputati; primi firmatari Edoardo Fanucci (Pd), Sergio Boccadutri (Sel), Ernesto Carbone (Pd), Antonio Castricone (Pd) e Stefania Covello (Pd).

La Google Tax, è bene precisarlo, non riguarda prioritariamente la società di Mountain View, ma tutte le multinazionali del Web che operano e fanno profitti anche nel nostro Paese; l'idea sarebbe quella di imporre a queste aziende l'obbligo di aprire una partita IVA italiana e di sottostare pienamente al regime d'imposta della Penisola.

Continua dopo la pubblicità...

Ma non basta, per questioni legate alla tracciabilità le operazioni per l'acquisto di servizi online dovranno essere effettuate tassativamente tramite bonifico bancario o postale, una misura che chiude la porta a tutti i mezzi per il pagamento veloce utilizzati in Rete (vedi carta di credito e PayPal!) con una serie di conseguenze non di poco conto (trascurabili, forse, per chi l'on-line non lo conosce affatto).

La norma, il cui contenuto appare dettato più da ragioni contabili che di buon senso, rischia di essere censurata a livello Europeo e di creare non pochi problemi a livello di diritto internazionale, ma soprattutto potrebbe rivelarsi un boomerang in grado di compromettere (definitivamente?) le già scarse possibilità di innovazione del nostro paese destinato, probabilmente, a restare confinato ai margini del mercato dell'economia digitale.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.