Cassazione: un blog non è stampa clandestina

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteSu Facebook una nuova funzionalità per condividere file
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Cassazione: un blog non è stampa clandestina

Mentre in tutto il Mondo i blog e i social network stanno inosarabilmente sostituendo i quotidiani come fonti privilegiate per le informazioni, nel nostro Paese si discute ancora sul fatto che il blogging possa essere assimilabile niente meno che alla stampa clandestina (cosa che, di fatto, renderebbe penalmente sanzionabile l'attività di bliogger nel territorio Italiano).

Ora, che pubblicare un contenuto senza registrazione e autorizzazione, se non si reca danno a nessuno, possa costituire ancora un reato nel 2012, è già una cosa abbastanza ridicola... ma appare ancora più ridicolo che la suprema corte di Cassazione debba essere chiamata in causa per stabilire la legittimità di pubblicare informazioni su un sito Web.

Continua dopo la pubblicità...

Detto questo, fortunatamente, i giudici della Cassazione sembrano aver compreso l'importanza dei cambiamenti in atto e, in una recente sentenza relativa alla tristemente celebre vicenda del blogger Carlo Ruta, hanno stabilito che l'assimilazione tra blog e stampa, o addirittura stampa clandestina, non può essere accettata.

Tale sentenza, pur non potendo costituire un precedente, risulta particolarmente importante anche a livello pratico, questo perché se i blog dovessero essere assimilati agli altri prodotti editoriali sarebbero assoggettati all'obbligo di registrazione in Tribunale.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.