Chiarimenti sul canone RAI per Pc, tablet e smartphone

La stessa RAI è intervenuta riguardo ad una questione che negli ultimi giorni avrebbe suscitato qualche allarme presso gli utilizzatori di Pc, smartphone e dispositivi con funzioni per la ricezione dati: l'azienda avrebbe infatti deciso di riscuotere il canone anche da questi ultimi e con una tariffa maggiorata.

Secondo quanto comunicato dai portavoce della Tv pubblica, tale tassa andrebbe si pagata obbligatoriamente, ma soltanto da coloro che utilizzano computer, tablet o altri terminali come se questi fossero dei comuni apparecchi televisivi; non verrebbe quindi tassato il mero possesso.

Continua dopo la pubblicità...

Su questo punto la RAI ha voluto essere particolarmente chiara affermando come non fosse mai stata intenzione dell'azienda richiedere il canone a coloro che hanno come unico requisito un dispositivo collegato alla Rete; Viale Mazzini cerca così di spegnere i recenti malumori.

Insomma: se si possiede un Pc (o altro device in grado di ricevere un segnale audiovisivo che non sia il televisore), si è obbligati a pagare il canone RAI soltanto nel caso in cui si utilizzi il proprio monitor o display per fruire di spettacoli televisivi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.