Chromebook con applicazioni Android nel 2017

Chromebook con applicazioni Android nel 2017

Gli sviluppatori di Big G hanno chiarito da tempo che i progetti Android e Chrome OS non verranno unificati nel corso del prossimo futuro; il fatto che Mountain View voglia mantenere separati i due sistemi operativi non significa però che l'interoperabilità di questi ultimi non verrà ulteriormente migliorata e garantita.

Poco si sa a tal proposito del cosiddetto Andromeda Project, interpretato inizialmente come una conferma della volontà di far confluire le due piattaforme in un unico OS, ma sembrerebbe che esso sia stato implementato prestando particolare attenzione al ruolo delle App che sono ad oggi il segreto del succeso di qualsiasi sistema moderno.

Continua dopo la pubblicità...

A conferma di ciò Google ha reso noto che i computer Chromebook prodotti nel corso dell'anno corrente permetteranno l'installazione di applicazioni per il Robottino Verde scaricate dal Play Store; i primi modelli coinvolti dovrebbero essere il Chromebook Plus e il Chromebook Pro della Samsung presentati a Las Vegas durante il CES 2017.

Non parliamo però di una novità assoluta, infatti alcune versioni dei laptop di Google sono già in grado da qualche mese di interfacciarsi con il market place di Android, questa volta però Mountain View avrebbe deciso di concedere la medesima opportunità a tutti i futuri modelli in modo da ampliare l'utenza di riferimento per il Play Store.

Chiaramente gli utilizzatori che saranno maggiormente avvantaggiati da questa novità sono coloro che possiedono dei Chromebook i cui display supportano l'interazione tattile, ciò consentirà di usufruire di una user experience del tutto simile a quella classicamente già accessibile tramite i device mobili attraverso touch screen.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.