La Corte Costituzionale difende l'Open Source

La Corte Costituzionale difende l'Open Source

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo l'articolo 1 della legge n. 9 emanata dalla Regione Piemonte il 26 marzo del 2009 che stabiliva le "Norme in materia di pluralismo informatico, sull'adozione e la diffusione del software libero e sulla portabilità dei documenti informatici nella pubblica amministrazione".

La legge era stata promulgata per favorire la diffusione del software libero, ma conteneva un vizio che ne inficiava il valore: nel suo testo infatti le licenze Open Source venivano interpretate come se queste privassero i creatori delle applicazioni di ogni diritto d'autore.

Continua dopo la pubblicità...

La Corte Costituzionale ha però stabilito tramite sentenza che la legge regionale violava la competenza dello Stato in materia di tutela della concorrenza e in ordine alla disciplina sul diritto d'autore; per i programmi Open Source dovrà essere quindi applicata la normativa nazionale sul diritto d'autore.

Se applicata, la legge della Regione Piemonte avrebbe impedito alle clausole delle licenze Open Source di proteggere i software anche quando essi venivano modificati e redistribuiti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.