Cresce il mercato del video online advertising

Cresce il mercato del video online advertising

I ricercatori di Zenith hanno recentemente presentato i dati contenuti nell'ultima edizione del loro annuale Online Video Forecasts, rilevazione nella quale viene registrato un forte incremento del mercato del video online advertising. Ad oggi quest'ultimo sarebbe in grado di generare un giro d'affari pari a ben 27 miliardi di dollari.

Interessante anche l'andamento del comparto video on line in generale, con prospettive di crescita superiori alle apettative. Si calcola infatti che nel corso del 2018 gli utenti dei 59 mercati analizzati visualizzeranno filmati sul Web per non meno di 67 minuti al giorno, con un aumento medio di circa 11 minuti rispetto all'anno scorso.

Anche la realtà italiana dovrebbe seguire questo trend, con un tempo di visualizzazione medio pari a 192 minuti al mese ed un incremento di 19 minuti su base annuale. Entro il 2020 tale dato dovrebbe crescere fino a 226 minuti al mese, soprattutto grazie all'ecosistema mobile che genererà la maggior parte delle riproduzioni.

Riportando l'analisi a livello globale, si prevede che entro il 2020 la fruizione di video online al giorno dovrebbe toccare la media di 84 minuti per utente, con un incremento di 9 minuti rispetto al dato attuale. Questo fenomeno porterà ad un'ulteriore cambaimento delle abitudini quotidiane con un ruolo sempre più marginale dei media tradizionali.

Continua dopo la pubblicità...

Gli investimenti pubblicitari dovranno essere per forza di cose sempre più concentrati su video, tanto che le previsioni parlano di un aumento del 19% nel 2018 e di ulteriori incrementi pari al 17% nei due anni successivi. Attualmente questo comparto assorbirebbe il 27% della spesa in advertising con prospettive di raggiungere il 30% nel 2020.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.