Cryptovalute: trafugati quasi 10 miliardi di dollari

 Cryptovalute: trafugati quasi 10 miliardi di dollari

A quanto ammontano i furti di Cryptovaluta effettuati fino ad oggi? Secondo i ricercatori di KPMG a partire dal 2017 sarebbero stati sottratti non meno di 9.8 miliardi di dollari, un giro d'affari colossale per il Cybercrime che sarebbe stato generato soprattutto a causa di contromisure per la sicurezza non sempre adeguate alle minacce da combattere.

Le monete virtuali più coinvolte in assoluto da questo fenomeno sarebbero, neanche a dirlo, il Bitcoin ed Ethereum, un po' perché sono le più note, un po' perché sono quelle che con il tempo hanno assunto maggior valore e un po' perché spesso i risparmiatori che puntano su di esse per i loro investimenti sono quelli che in genere hanno minori competenze dal punto di vista delle Cybersecurity.

Continua dopo la pubblicità...

Soprattutto a causa della grande crescita di valore che ha interessato la prima nel corso del 2017, Bitcoin ed Ethereum hanno infatti attirato l'attenzione di numerosi utenti alle prime armi sia dal punto di vista degli strumenti finanziari che delle skill digitali, questo li ha resi il target ideale per un gran numero di malintenzionati.

A quanto già detto si aggiungerebbero dei comportamenti non sempre trasparenti (quando non addirittura illeciti) da parte di alcuni exchange. I più affidabili tra questi ultimi, tra cui Coinbase e Gemini, starebbero comunque iniziando a dotarsi di soluzioni custody services grazie alle quali tutelare i capitali investiti da eventuali violazioni.

Rimangono però ancora alcune problematiche strettamente correlate alla natura decentralizzata delle tecnologie distribuite di Blockchain e all'anonimato dei titolari di cryptovalute, caratteristiche che rendono le attività di riciclaggio molto più semplici che tramite i canali tradizionali e rappresentano un ulteriore incentivo ai tentativi di truffa e raggiro.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.