I cyber-criminali abbandonano il Bitcoin

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
I cyber-criminali abbandonano il Bitcoin

Dopo un 2017 in crescita costante il Bitcoin sta ora registrando impressionanti oscillazioni con tendenza al deprezzamento; arrivata quasi alla soglia dei 20 mila dollari per esemplare, la più famosa delle cryptovalute sembrerebbe ormai faticare a superare quella dei 12 mila dollari. E' forse troppo presto per parlare dell'esplosione di una bolla speculativa, ma l'attuale situazione starebbe già creando i primi effetti negativi.

A pagare il costo dell'instabilità del Bitcoin sarebbero ad oggi tutte le altre monete virtuali che nel corso degli ultimi mesi hanno approfittato dell'hype creato dalla sua crescita; sono così crollati i prezzi Ripple, Ethereum, Litecoin, Dash e Monero, probabilmente a dimostrazione che nessuna di esse rappresenta una divisa rifugio durante i momenti di crisi.

In secondo luogo i paesi intenzionati a porre un freno alla febbre da cryptovaluta sembrerebbero essere sempre di più, a partire dalle economie asiatiche. Tra queste ultime basterebbe citare la Cina, ormai decisa a bloccare sia il trading che il mining, la Corea, schierata contro gli exchange locali e, più vicino a noi, la Russia.

Un effetto curioso dell'attuale stato di cose sembrerebbe essere la rapida disaffezione nei confronti del Bitcoin da parte dei cyber-criminali. Fino a poche settimane fa, infatti, gran parte dell'economia digitale illegale tendeva a preferire le transazioni basate sul Bitcoin grazie all'elevato livello di anonimato garantito dalla piattaforma.

A tal proposito è possibile fare riferimento ai gestori di Necurs, una delle più grandi spam botnet attualmente operanti in Rete, ormai convinti sostenitori dell'alternativa Swisscoin, e ai virus writers di svariati ransomware che avrebbero deciso di rinunciare ai pagamenti in Bitcoin per tornare ai riscatti in dollari americani.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti