DaD: i docenti scoprono il Digitale

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGarante Privacy: il pass vaccinale non rispetta il GDPR
  • SuccessivoUE: nuove regole per l'IVA dell'E-commerce
DaD: i docenti scoprono il Digitale

Sono stati presentati nelle scorse ore i risultati della seconda edizione dell'Emotion Revolution Survey, uno studio condotto dalla Microsoft grazie ad una partnership con PerLAB e Wattajob con lo scopo di individuare quali siano gli effetti sulla sfera emotiva della DaD (Didattica a Distanza) sugli studenti e gli insegnanti costretti per mesi a rimanere lontani dalle aule scolastiche.

Stando alle risposte ricevute nel corso della ricerca, la reazione più diffusa alla DaD sarebbe la stanchezza che colpirebbe ben il 56% degli studenti contro il 27% degli insegnanti, in generale questi ultimi avrebbero dimostrato un maggior adattamento alla situazione contingente. Molto diffusi presso gli studenti anche sentimenti come il senso di solitudine, citato nel 46% dei casi, e quello di insicurezza (con il 30%).

Per quanto riguarda gli insegnanti, 1/4 di essi avrebbero affermato di essere maggiormente entusiasti per la propria professione, ciò si sarebbe riflettuto soprattutto sulla motivazione citata dal 41% dei docenti. Di opinione completamente contraria gli studenti che in buona parte dei casi si sentirebbero ancora disorientati e in preda a stati d'ansia.

Le reazioni più positive degli insegnanti deriverebbero anche da una maggiore consapevolezza nell'uso di strumenti digitali, per l'87% di essi la DaD rappresenterebbe una soluzione ideale per rafforzare l'apprendimento mentre il 76% avrebbe rivelato che tale modalità si sarebbe rivelata fondamentale per migliorare il proprio rapporto con le nuove tecnologie.

Continua dopo la pubblicità...

L'utilizzo diffuso della DaD avrebbe fornito anche un aiuto (forse per molti versi inaspettati) contro la dispersione scolastica, sempre per i docenti infatti la possibilità di utilizzare strumenti come la lettura immersiva e la sintesi vocale avrebbe permesso agli studenti di trovare nuovi metodi di studio più adatti alle proprie esigenze di apprendimento.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.