Detekt: contro gli spyware per i diritti civili

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAmazon sfida Expedia e Booking: in arrivo Travel
  • SuccessivoPrime segnalazioni di problemi per Android 5.0
Detekt: contro gli spyware per i diritti civili

Detekt è uno strumento per la rilevazione degli spyware che potrà essere utilizzato per la protezione dei propri dati personali, delle proprie abitudini di navigazione e di utilizzo del sistema operativo di riferimento; attualmente questa utility è disponibile soltanto per le piattaforme Windows, ma presto potrebbe essere diffusa anche su altri OS.

Non si tratta del solito antispyware freeware simile a tanti altri software dello stesso tipo presenti in Rete, Detekt infatti è stato pensato come soluzione per la tutela dei diritti civili; dietro alla sua realizzazione ci sono infatti organizzazioni come Amnesty International, l'EFF (Electronic Frontier Foundation) e Privacy International.

Continua dopo la pubblicità...

Tale antispyware è dedicato in particolare agli attivisti per i diritti umani e di cittadinanza, alle associazioni non governative impegnate in missioni umanitarie e ai giornalisti d'inchiesta; tutti soggetti che, in qualche modo, potrebbero essere attenzionati dalle autorità di regimi più o meno democratici interessati a spiare la loro attività.

A programmare questa applicazione è stato uno sviluppatore italiano, chiamato Claudio Guarnieri, che ha recentemente annunciato la disponibilità di questo tool attraverso Twitter: "We just launched https://resistsurveillance.org with @EFF, @digiges, @privacyint and @amnesty. Resist to surveillance and scan your computers!".

Per utilizzare Detekt bisognerà innanzitutto chiudere tutte le applicazioni attive nel sistema e verificare che il computer sia non sia connesso ad Internet, poi si potrà lanciare il programma in esecuzione; nel caso in cui uno spyware dovesse essere rilevato si dovrà evitare di riconnettere il Pc alla Rete fin quando esso non verrà eliminato.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.