Diritti di proprietà: Italia al 44° posto

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Diritti di proprietà: Italia al 44° posto

Secondo quanto riportato nell'International Property Rights Index 2021 reso disponibile dalla Property Rights Alliance, attualmente la Penisola sarebbe al 44° posto a livello mondiale per protezione dei diritti di proprietà intellettuale o fisica. Un risultato così negativo potrebbe impattare sfavorevolmente sulle opportunità di sviluppo del Paese.

L'Italia avrebbe conseguito un basso punteggio in riferimento a tutti gli indicatori utilizzati, come per esempio la presenza di un sistema politico e giuridico inadeguato alla piena tutela della proprietà, indipendentemente dalla tipologia di diritti che si intendono difendere. Se si considerasse soltanto la protezione dei diritti di proprietà fisici non andremmo oltre il 74° posto.

Da questo punto di vista le nostre performance sarebbero simili a quelle di realtà come la Colombia, l'Honduras e la Moldavia, mentre per quanto riguarda la tutela politica e giuridica i risultati ottenuti sarebbero simili a quelli del Ruanda. Più elevato il punteggio relativo ai diritti intellettuali di proprietà per i quali lo Stivale si piazzerebbe al 27° posto.

Tenendo conto del dato a livello globale, analizzando l'andamento dei 129 Paesi presi in considerazione dai ricercato si osserverebbe comunque una tendenza al ribasso. Stati come la Svizzera, Singapore e la Nuova Zelanda offrirebbero ancora una tutela elevata ma nel complesso il punteggio medio sarebbe calato di 2.2 punti in una scala che ha 10 come risultato più elevato.

In sostanza le realtà dove il diritto di proprietà è sempre stato protetto adeguatamente continuerebbero a mantenere la propria posizione in vetta alla classifica con punteggi stabili, mentre nel corso dell'ultimo triennio la platea dei Paesi in cui viene offerta una protezione scarsa avrebbe registrato un incremento fino a rappresentare l'85% del campione.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti