Diritto all'oblio: prime rimozioni entro giugno

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteWikipedia obbliga a dichiarare i contenuti sponsorizzati
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Mountain View ha preso molto sul serio le indicazioni della Corte di Giustizia Europea che le ha imposto di rendere possibile la pratica del Diritto all'Oblio, cioè l'opportunità di richiedere la cancellazione di link dai risultati delle ricerche quando conducono a dati personali.

Il form che Google ha messo a disposizione per permettere agli utenti di inviare le istanze per la rimozione sarebbe stato letteralmente preso d'assalto e le richieste già pervenute sulle scrivanie di Big G si conterebbero ormai già in decine di migliaia.

Ma quando cominceranno le prime eliminazioni? Larry Page e soci avrebbero deciso che i risultati iniziali saranno visibili entro la fine di giugno mentre alcuni utenti avrebbero già ricevuto rassicurazioni dall'azienda californiana riguardo alla presa in carico delle loro richieste.

Una volta approvata un'istanza di rimozione, quest'ultima dovrebbe avere effetto per tutte le localizzazioni di Google relativi agli stati membri dell'Unione Europea nonché in quelle di alcune nazioni confinanti tra le quali Norvegia, Islanda, Svizzera e e Liechtenstein.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti