DropBox e i file "in chiaro"

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook ha stretto amicizia con Bing
  • Successivo3 miliardi di dollari in obbligazioni da Google

DropBox, il gruppo che fa capo al noto servizio per lo storage di file in remoto, dovrà rispondere davanti alla Federal Trade Commission degli USA riguardo all'accusa di aver mentito sulla segretezza delle risorse e dei contenuti degli utilizzatori.

Secondo gli accusatori, DropBox non garantirebbe un adeguato livello di tutela per la privacy degli iscritti, la criptazione tramite AES-256 non sarebbe in questo caso una garanzia e si arriverebbe addirittura al libero accesso ai file da parte dei dipendenti dell'azienda.

Dropbox: privacy a rischio?

Il dito sarebbe puntato in particolare sulla licenza d'uso del servizio che vieterebbe l'accesso ai contenuti protetti senza però specificare se esistano delle modalità per l'accesso che potrebbero permettere ad un dipendente di visualizzare ciò che non dovrebbe.

Continua dopo la pubblicità...

DropBox è al momento un servizio utilizzato da ben 25 milioni di utilizzatori, ora dovrà essere la FTC a decidere se la fiducia riposta da essi su questo servizio sia stata in qualche modo tradita.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.