Entra in vigore in Italia la legge sui cookie

Entra in vigore in Italia la legge sui cookie

Il 2 giugno 2015 rappresentava l'ultimo giorno utile per l'adeguamento dei siti Web alla cosiddetta Cookie Law, provvedimento voluto dal Garante Privacy che, recependo una normativa europea, ha dato vita ad un nuovo regolamento dedicato in particolare a quelle piattaforme che effetuano attività di profilazione degli utenti.

Nonostante la scadenza ormai superata, numerosi titolari di progetti online esprimerebbero ancora oggi dubbi e perplessità riguardo alle corrette modalità di applicazione della norma; quando è sufficiente la pubblicazione dell'informativa estesa? Quando è richiesta l'informativa breve per la richiesta del consenso? In quali casi è necessaria la (costosa) notificazione al Garante?

Continua dopo la pubblicità...

Nel corso dei giorni precedenti alla data citata in molti si sono chiesti quali misure adottare nel caso di utilizzo di servizi di terze parti in grado di produrre cookie (advertising, pulsanti sociali, widget..), questo per non parlare del "blocco" dei cookie di profilazione necessario prima del rilascio del consenso, feature che in pratica rendeva obbligatorio un intervento tecnico competente.

Di certo, l'unica parte del provvedimento che non lascia spazio ad intepretazioni è quella delle sanzioni: da 6 mila a 36 mila euro di multa per informativa omessa o non idonea, da 10 mila a 120 mila euro per l'utilizzo di cookie di profilazione senza il consenso dell'utente e, nei casi più gravi, da 20 mila a 120 mila euro per comunicazione omessa o incompleta al Garante.

Considerando la presenza in Rete di migliaia di piccoli progetti, le sanzioni elencate appaiono in buona parte sovradimensionate, così come sembrerebbero troppo stringenti i vincoli relativi al blocco dei cookie; probabilmente il Garante fornirà a breve ulteriori chiarimenti in merito, ma l'era della Cookie Law è ormai iniziata.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.