Facebook: arriva il "Non mi piace"?

Facebook: arriva il "Non mi piace"?

Sarebbe stato lo stesso Mark Zuckerberg, creatore del social network più grande della Rete, ad annunciare che dopo numerose richieste giunte dall'utenza gli sviluppatori del Sito in Blue starebbero sperimentando una funzionalità molto simile al "Non mi piace" atteso con trepidazione, se non con preoccupazione, dagli iscritti.

Presto i frequentatori del Sito in Blue avranno la possibilità di esprimere il loro dissenso rispetto ad un contributo postato da un loro contatto o altro utente della piattaforma? Le cose non starebbero esattamente così, perché tale tool non dovrebbe essere stato concepito con lo scopo di svolgere la funzionalità opposta a quella del "Mi piace".

Continua dopo la pubblicità...

Come spiegato dal CEO di Menlo Park durante la sua più recente sessione online di domande e risposte per l'interazione con gli utenti, il "Non mi piace" (o in qualsiasi modo verrà chiamato) potrà essere impiegato per esprimere empatia e non dissenso; si avrà così la possibilità di segnalare che una condizione negativa un avveimento spiacevole non ci lasciano indifferenti.

Del resto lo stesso Zuckerberg si sarebbe più volte dichiarato contrario all'introduzione di un "Non mi piace" dal significato letterale, a suo parere infatti esso non farebbe altro che alimentare dissidi e creare tensioni; difficile dargli torto vista la già diffusa animosità dimostrata non di rado dagli utenti di Facebook a proposito di questioni più o meno futili.

L'intenzione dell'azienda californiana sarebbe quindi quella di fornire un nuovo strumento che permetta di incrementare il coinvolgimento e la partecipazione, non per favorire le contrapposizioni fin troppo semplici quando le discussioni vengono effettuate tramite un social media, con interlocutori spesso lontani tra loro e attraverso un display.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.