Facebook: basta con la politica sul news feed

Facebook: basta con la politica sul news feed

Secondo indiscrezioni circolate nel corso delle ultime ore, i responsabili di Facebook sarebbero intenzionati a rivedere il funzionamento del news feed concedendo sempre meno spazio alle notizie di politica e attualità per far posto alle interazioni personali. Tale decisione sarebbe la conseguenza di alcuni studi secondo cui gli utenti si definirebbero ormai stanchi di determinate tematiche.

La ricerca condotta dal gruppo capitanato da Mark Zuckerberg avrebbe coinvolto soltanto l'utenza statunitense ma tra i progetti dell'azienda vi sarebbe anche quello di un'ampliamento ad altri mercati, i risultati ottenuti evidenzierebbe una disaffezione nei confronti di bacheche popolate continuamente da confronti troppo accesi, propaganda e notizie poco attendibili.

Per capire il motivo di questo nuovo corso (non ancora confermato in via ufficiale) è utile ricordare che il rapporto tra Facebook e la Politica è sempre stato particolarmente conflittuale, basti pensare allo scandalo Cambridge Analytica, alle tantissime fake news condivise durante la campagna presidenziale del 2016 e ai conflitti che hanno caratterizzato i giorni successivi a quella del 2020.

Al di là delle buone intenzioni è però difficile ipotizzare quella che sarà la strategia scelta per marginalizzare alcuni argomenti dal flusso delle condivisioni. Tempo fa Facebook ha introdotto per esempio delle contromisure per limitare la disinformazione ma quanto accaduto durante l'emergenza pandemica sembrerebbe dimostrare che non siano state efficaci.

Continua dopo la pubblicità...

Ad essere riconsiderato dovrà essere anche il rapporto tra Facebook e le testate giornalistiche, negli anni infatti queste ultime hanno modificato il loro modo di proporre le notizie proprio per ottenere la massima visibilità possibile sui social network e ciò ha facilitato il diffondersi di fenomeni deleteri come per esempio la pubblicazione di titoli clickbait.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.