Facebook: il Garante interviene sul Data Breach

Facebook: il Garante interviene sul Data Breach

Il Garante Privacy ha richiesto a Facebook di adottare quanto prima delle misure utili a limitare i rischi derivanti dal Data Breach recentemente riemerso che avrebbe coinvolto ben 36 milioni di Italiani. L'iniziativa dell'Authority riguarda naturalmente il database contenente le informazioni di ben 533 milioni di account reso pubblico nelle scorse ore su un forum di discussione.

Nella richiesta è contenuto anche un avvertimento in cui si ricorda che l’utilizzo dei dati provenienti dalla violazione ai danni del social network costituirebbe un'attività illecita, inoltre gli utenti coinvolti sono stati invitati a prestare particolare attenzione a possibili anomalie sugli smartphone come per esempio la ricezione di messaggi sospetti o tentativi di violazione dei propri profili.

Tra i possibili rischi, uno dei più gravi è probabilmente quello dello SIM swapping che prevede la clonazione della SIM card di un telefono e rende inefficace anche la protezione derivante dall'autenticazione a 2 fattori. L'improvvisa assenza di campo in luoghi dove normalmente il cellulare ha una buona ricezione dovrebbe porre in allarme il titolare di un'utenza.

Nel caso in cui si ritenga di essere stati vittima di SIM swapping è opportuno rivolgersi il prima possibile al call center del proprio operatore di telefonia mobile e verificare che un estraneo non abbia richiesto di trasferire il numero di telefono coinvolto in un'altra SIM. Nello stesso modo è bene diffidare di richieste di denaro anche quando provenienti da utenze telefoniche conosciute.

Continua dopo la pubblicità...

Il Garante ha poi chiesto al gruppo capitanato da Mark Zuckerberg di rendere immediatamente disponibile un servizio che permetta a tutti gli utenti del nostro Paese di verificare se il proprio recapito telefonico o il proprio indirizzo di posta elettronica siano stati interessati dalla violazione. Si ricorda che tali dati comparvero per la prima volta sul Web nel 2019 ma di recente sono stati messi a disposizione di tutti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.