Facebook e Google via da Outlook.com

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle: nessun accordo con il fisco italiano
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Facebook e Google via da Outlook.com

I portavoce della Casa di Redmond hanno reso noto tramite un recente messaggio di posta elettronica inviato agli utilizzatori della piattaforma che a breve, questione di poche settimane, verrà dismessa l'attuale integrazione con le chat applications di Google e di Facebook da Outlook.com, servizio online della stessa casa madre.

Per gli utenti rimarrà quindi la possibilità di utilizzare soltanto il programma messo a disposizione dalla stessa azienda capitanata da Satya Nadella, ovvero Skype; questo client VoIP infatti si integra completamente con la già citata applicazione per la gestione delle email e potrà essere utilizzato direttamente da Outlook.com.

Per quanto riguarda la rimozione del supporto alla chat di Mountain View, questa sarebbe stata motivata da fatto che Big G ha recentemente deciso di fare a meno del protocollo impiegato fino ad ora per Google Talk, uno standard sostituito con quello dell'alternativo Hangouts che è però proprietario.

Relativamente al pensionamento delle funzionalità dedicate alla chat del Sito in Blue non sarebbero stati forniti dei dettagli specifici, a tal proposito sembrerebbe però sicuro che la possibilità di gestire in sincronizzazione gli account di Menlo Park così come quelli di Big G rimarra comunque inalterata.

Continua dopo la pubblicità...

L'iniziativa di Microsoft verrà verosimilmente accolta con poco entusiasmo dagli utilizzatori del Webmail, questo soprattutto in considerazione del fatto che il supporto per le features di Google e Facebook sarebbe stato introdotto a suo tempo proprio in seguito alle numerose richieste provenienti dagli iscritti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.