Facebook inciampa sulla privacy

Facebook inciampa sulla privacy

Che Facebook non sia affatto una cassaforte per i dati personali degli utenti era cosa già nota, questa volta però il lassismo centra poco, il problema è infatti tecnico e riguarda una vulnerabilità nel sistema di gestione delle impostazioni personali.

In pratica, il bug rilevato avrebbe permesso di monitorare e controllare le chat degli altri utilizzatori del social network, il tutto senza alcun limite; paradossalmente l'errore era insito proprio negli strumenti a disposizione degli utenti per il controllo delle funzionalità.

Raccolta la segnalazione del problema, i tecnici del network sociale più grande della Rete hanno subito provveduto a mettere on line la chat, questa è rimasta temporaneamente inaccessibile conn tanto di notifica di manutenzione per gli utenti.

Se un utente decide di mettere in piazza i suoi dati personali sono in genere affari suoi, ma se questi vengono resi pubblici da un errore di progettazione il problema è ben diverso; fortunatamente questa volta la reazione da parte degli uomini di Facebook è stata immediata.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.