Facebook protegge i minori col Panic Button

Facebook protegge i minori col Panic Button

Il social network più grande della Rete ha recentemente siglato un accordo con la Ceop (Child Exploitation and Online Protection Centre), associazione britannica che dedica il suo operato alla lotta contro gli abusi a danno dei minori.

In seguito all'accordo gli utenti minorenni di Facebook avranno ora a disposizione sul loro profilo un apposito Panic Button con il quale segnalare eventuali tentativi di adescamento in Rete; un sistema semplice per evitare i rischi derivanti dall'azione di malintenzionati.

Continua dopo la pubblicità...

La realizzazione del Panic Button giunge in seguito ad alcuni fatti di cronaca anche gravi verificatisi in Gran Bretagna a danno dei frequentatori più giovani del social network; lo stesso governo britannico ha richiesto con forza che Facebook adottasse le necessarie contromisure.

Nelle intenzioni del Ceop, il Panic Button dovrebbe rappresentare un efficace deterrente contro la maggior parte dei tentativi di adescamento, l'opera dei malintenzionati dovrebbero infatti essere disincentivata da uno strumento in grado di segnalare in tempo reale eventuali minacce.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.