Facebook ripulisce il Nees Feed dall'advertising

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Facebook ripulisce il Nees Feed dall'advertising

A partire dal prossimo gennaio il social network più grande della Rete dovrebbe operare delle modifiche a carico del proprio News Feed includendo un numero nettamente inferiore di post promozionali; le aziende interessate a pubblicizzare la propria attività su Sito in Blue avranno, in pratica, l'obbligo di acquistare degli spazi pubblicitari veri e propri vedendo diminuire drasticamente la visibilità dei propri contenuti pubblicitari all'interno del news feed.

Tale iniziativa sarebbe dovuta al fatto che Facebook stesso avrebbe condotto una rilevazione con lo scopo di sondare l'umore degli utenti riguardo alla qualità del News Feed; tra i centinaia di migliaia di intervistati in molti avrebbero risposto di essere spesso infastiditi dai post puramente pubblicitari e di essere invece interessati a visualizzare più news e aggiornamenti di qualità dalle fanpages.

Curiosamente, molti degli utilizzatori che hanno commentato negativamente il frequente passaggio di post pubblicitari sul proprio News Feed, infatti, sarebbero anche gli stessi che hanno clickato "Mi piace" sulle fanpages delle aziende che investono nella pubblicità. In sostanza gli utenti gradirebbero le pubblicazioni da parte delle aziende, ma non quando si tratta di post a fini esclusivamente promozionali.

L'opera di "ripulitura" a carico del flusso di notizie di Facebook dovrebbe quindi privilegiare i contenuti informativi e "di qualità", per contro le già citate aziende dovrebbero vedere il News Feed diminuire di importanza dal punto di vista dei ritorni di investimento; motivo per il quale queste ultime dovranno cercare di ritagliarsi nuovi spazi di visibilità all'interno del "sito in Blue".

Leggendo tra le righe, sembrerebbe che Mark Zuckerberg e soci abbiano intenzione di comunicare alle aziende che, se intendono continuare a far promozione sul network di Menlo Park, allora dovranno per forza comprarsi degli spazi appositamente dedicati; inutile dire che ciò non potrà che determinare una spesa maggiore per l'advertising su Facebook.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti