Facebook Signal per i giornalisti

Facebook Signal per i giornalisti

Gli sviluppatori di Menlo Park hanno lanciato Signal, una piattaforma che Mark Zuckerberg e soci hanno voluto dedicare all'attività dei gionalisti; sostanzialmente tale servizio aiuterà i professionisti dell'informazione ad individuare più facilmente i principali trend che caratterizzano il flusso di contributi condivisi su Facebook.

Tale iniziativa sarebbe stata concepita nel quadro di un progetto che mira ad attirare l'attenzione dei giornalisti sul Sito in Blue, infatti, soprattutto negli Stati Uniti (ma da questo punto di vista tale constatazione sembrerebbe valida anche per il nostro Paese) gli operatori della carta stampata e i creatori di contenuti sembrerebbero più interessate a quanto viene postato su Twitter.

Continua dopo la pubblicità...

Signal sarà anche uno strumento utile per le ricerche sul social network più grande della Rete, esso infatti consentirà di reperire anche i dati riguardanti discussioni e condivisioni che sono state rilevanti nel passato; l'idea sarebbe quindi quella di fornire nello stesso tempo un feed aggiornato e un archivio al quale attingere per i propri articoli.

La piattaforma permetterà agli utilizzatori di realizzare delle raccolte (collections) all'interno delle quali salvare i contenuti selezionati, da notare che Signal consentirà di accede anche ai trend di Instagram, che è comunque una controllata di Facebook, della quale si potranno ricercare sia i topics che le locations senza accedere a dati privati.

Signal consentirà un utilizzo immediato delle informazioni reperite dai giornalisti che potranno sfruttare un apposito codice da copiare e incollare sul proprio sito Web in modo da aumentare la diffusione delle news; il servizio, soltanto al suo debutto, dovrebbe essere migliorato con il tempo anche grazie alle segnalazioni dei propri utenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.