Facebook, un virus minaccia i dati personali

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteYouTube compie 10 anni
  • SuccessivoCyber crimine: "rapinate" 100 banche per 300 milioni di dollari
Facebook, un virus minaccia i dati personali

Secondo quanto sarebbe stato reso noto dagli agenti della dalla Poliza di Stato, attualmente sul social network più grande della Rete risulterebbe in circolazione un malware in grado di insidiare i dati personali degli utenti; tale minaccia apparirebbe particolarmente preoccupante a causa delle sue modalità di diffusione.

Gli utenti malintenzionati che hanno creato tale virus avrebbero infatti scelto di semplificare la fase di infezione mascherandolo dietro a delle notifiche che, almeno all'apparenza, sarebbero veramente molto simili a quelle che lo stesso Facebook rende visibili per segnalare eventi come per esempio i tag sulle immagini o sui filmati.

Continua dopo la pubblicità...

Una volta che l'utente clicka sul collegamento al contenuto notificato, quest'ultimo effettua la vera funzione per il quale è stato creato, cioè quella di insinuarsi all'interno dell'account coinvolto con lo scopo di acquisire indebitamente informazioni riservate, in particolare dati sensibili che invece dovrebbero rimanere inviolabili.

Il malware si rivelerebbe poi ancora più insidioso in quando in grado di diffondersi sfruttando gli stessi meccanismi di interazione previsti dal Sito in Blue, motivo per il quale un account infatto potrebbe trasmettere il virus ad un profilo "sano" attraverso una conversazione effettuata in chat o ad uno scambio di messaggi normalmente innocuo.

Un buon modo per tutelarsi dovrebbe essere quello di fare particolare attenzione ai contenuti sui quali si clicka, questo perché anche se le segnalazioni sembrerebbero arrivare da contatti fidati, nella maggior parte dei casi sarebbero corredati da immagini pornografiche che non dovrebbero essere presenti sulla piattaforma.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.