Fastweb acquisisce la rete FWA di Tiscali

Fastweb acquisisce la rete FWA di Tiscali

Fastweb ha recentemente acquisito da Aria la licenza per 40 Mhz nella banda 3.5 Ghz e il ramo di azienda FWA (Fixed Wireless Access) della Tiscali, società protagonista di una fusione con la stessa Aria nel corso del 2015. Viene così a saldarsi ulteriormente una partnership iniziata nel 2016, quando Fastweb potè utilizzare le frequenze da 3.5 Ghz di Tiscali.

In cambio della cessione quest'ultima avrà accesso alla rete in fibra ottica di Fastweb e per contratto non dovrà subire limitazioni per lo sfruttamento dell'infrastruttura FWA ora passata di mano. Per il gruppo fondato da Renato Soru si tratta quindi di un'opportunità per estendere la coperture dei propri servizi a livello nazionale.

Fastweb avrà invece la possibilità di ampliare la propria offerta per quanto riguarda la convergenza tra fisso e mobile, la licenza acquisita dall'azienda sarda dovrebbe poi permetterle di implementare una Rete che sia quanto più possibile pronta ad affrontare la transizione verso il 5G che sarà il vero e proprio standard per il traffico dati dei prossimi anni.

Attualmente Tiscali serve circa 8 milioni di famiglie tramite le sue proposte incentrate sull'ultrabroadband, con il nuovo accordo e il supporto della rete in fibra ottica di Fastweb il gruppo potrebbe ampliare l'utenza potenziale arrivando a non meno di 18 milioni di famiglie. Questo senza contare i minori costi derivanti dal non dover operare sulla base di un'infrastruttura propria.

Continua dopo la pubblicità...

Non si tratterà comunque di una cessione immediata, questo perché prima che venga completata sarà necessaria l'approvazione da parte del Garante per la concorrenza. Nelle intenzioni l'accordo dovrebbe diventare effettivo nel corso del prossimo quadrimestre, mentre il costo dell'operazione dovrebbe aggirarsi intorno ai 150 milioni di euro.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.