FBI: l'IPv6 favorirà il crimine

FBI: l'IPv6 favorirà il crimine

I vertici dell'FBI, la polizia federale degli Stati Uniti, avrebbero espresso preoccupazione a riguardo dell'ormai necessario passaggio al nuovo protocollo per l'assegnazione degli indirizzi di Rete; a loro parere l'IPv6 potrebbe essere un ostacolo all'identificazione dei criminali.

Il nuovo standard renderebbe infatti più complesso il monitoraggio delle attività criminose attraverso dispositivi in grado di produrre traffico dati; reati come per esempio il sequestro di persona e l'organizzazione di attentati terroristici diventerebbero forse più diffcili da reprimere.

Il problema starebbe tutto nel fatto che l'ARIN (American Registry for Internet Numbers) dovrà assegnare i blocchi di indirizzi IP ad intervalli di circa 10-15 anni; i provider potrebbero così ritardare notevolmente l'aggiornamento dei registri rendendo vani i tentativi di identificazione.

A questo punto potrebbe essere necessaria una normativa che imponga agli ISP di aggiornare puntualmente i propri Whois Database, diversamente si potrà contare soltanto sulla buona volontà di questi ultimi che potrebbero risolvere la questione con un proprio codice di autoregolamentazione in materia.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.