Un futuro off-shore per WikiLeaks?

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteApple supera HP per numero di Pc venduti
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

WikiLeaks, il sito di controinformazione fondato da Julian Assange, potrebbe presto trasferire i propri dati dai server attualmente localizzati in Islanda e in Svezia verso una destinazione molto particolare, si tratta infatti di una piattaforma petrolifera situata a 10 Km dalla costa britannica.

Sealand

Per la precisione la meta scelta sarebbe Sealand che, nostante sia poco più di un pezzo di ferraglia arrugginito in mezzo al mare, costituisce una sorta di semi-nazione, un auto-proclamato principato che vanta sovranità indipendente dove abiterebbero appena 5 persone.

Sealand si trova in acque internazionali, quindi le leggi in vigore negli altri paesi non valgono per questa piccola realtà, migrare verso di essa garantirebbe a WikiLeaks una maggiore indipendenza e quindi una libertà superiore nel diffondere i propri contenuti senza praticamente controlli.

La piattaforma/principato non sarebbe nuova a questo tipo di esperienze, nel 2008 infatti essa era stata scelta come sede per la collocazione di un server denominato HavenCO il cui funzionamento si è però interrotto improvvisamente senza che se ne conoscessero i motivi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.