Gmail introduce ufficialmente il pulsante "Annulla"

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGetty Images contro la ricerca delle immagini di Google
  • SuccessivoApple dichiara guerra alle App spyware
Gmail introduce ufficialmente il pulsante "Annulla"

Nel 2009 gli sviluppatori di Mountain View avevano introdotto nel servizio per la gestione della posta elettronica Gmail il pulsante "Annulla", uno strumento rimasto in fase sperimentare per anni e concepito per bloccare l'invio di un messaggio in corso di spedizione; ora tale feature sarà invece disponibile ufficialmente.

In sostanza, una volta inviata un'email la piattaforma mostrerà soltanto per alcuni secondi la seguente notifica: "Il messaggio è stato inviato. 'Annulla' 'Visualizza messaggio'"; così come "Visualizza messaggio", anche "Annulla" sarà un link da clickare, utile soprattutto nel caso di un ripensamento giunto all'ultimo istante.

Continua dopo la pubblicità...

Praticamente Gmail non farà altro che ritardare per un tempo molto breve la spedizione dell'email (tentare di recuperarla dalla inbox del destinatario una volta inviata sarebbe infatti tecnicamente impossibile), nel corso di tale intervallo si dovrà decidere rapidamente sul da farsi permettendo o meno che l'operazione venga completata.

Per venire incontro alle esigenze degli utenti Google ha deciso di permettere loro di configurare la durata del tempo utile per l'annullamento (casella di spunta "Abilita annulla invio" e manù select "Periodo di annullamento dell'invio"), su potrà quindi scegliere tra un minimo di 5 secondi fino ad un massimo di 30 secondi.

Per il momento tale strumento dovrebbe essere disponibile soltanto tramite la versione Web based della piattaforma, utilizzabile via Browser per la navigazione Internet; è comunque possibile che i tecnici di Big G stiano già studiando e testando una soluzione per la sua introduzione anche nell'App di Gmail per i dispositivi mobili.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.