Google I/O 2019: novità per l'advertising delle App

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteICE e Amazon insieme per l'e-commerce Made in Italy
  • SuccessivoCon le competenze digitali si guadagna di più
Google I/O 2019: novità per l'advertising delle App

L'ultima Google I/O, conferenza che Mountain View dedica ogni anno agli sviluppatori, è stata anche l'occasione per presentare le novità del gruppo in tema di advertising legato alle App. Nel caso specifico sono stati annunciati alcuni nuovi strumenti che consentiranno di pubblicizzare il software pubblicato sugli store in modo più efficace.

Tra le diverse novità è particolarmente interessante la possibilità di formulare delle offerte d'asta effettuate sulla base del parametro denominato tROAS (target return on ad spend), opzione che entro giugno 2019 dovrebbe essere disponibile in tutto il Mondo per le campagne Google App visualizzabili sia su Android che su iOS.

Continua dopo la pubblicità...

A livello pratico esso si traduce nell'opportunità di pagare automaticamente una cifra più elevata per raggiungere gli utenti che si prevede siano disposti ad affrontare una spesa maggiore, nello stesso modo si pagherà di meno per gli utenti meno propensi a spendere. E' supportata anche la definizione di moltiplicatori per raggiungere coloro che spendono cifre nettamente più elevate rispetto a quelle stanziate per la promozione.

Prevista anche una maggiore libertà creativa con la possibilità di promuovere la propria applicazione tramite due nuovi posizionamenti sulla piattaforma di YouTube, questi ultimi sono il feed in home page, accessibile nel caso in cui si disponga di almeno un'immagine in formato landscape, ed in-stream, disponibile se si ha almeno un filmato.

Da segnalare inoltre la possibilità di configurare più gruppi di annunci all'interno della medesima campagna pubblicitaria e di personalizzare gli asset presenti in ciascun gruppo creato sulla base dei vari temi utilizzati o di messaggi diversi per tipologie di utenti differenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.