Google Books non viola il diritto d'autore

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Google Books non viola il diritto d'autore

Google Books, la piattaforma digitale di Mountain View basata sulla scansione e la digitalizzazione dei libri che consente di ricercare i testi e consultare estratti delle opere presenti in catalogo, non violerebbe le normative USA sul diritto d'autore. A stabilirlo sarebbe stata la Corte Suprema statunitense mettendo fine ad una distriba legale dalla durata decennale.

Ad iniziare una causa contro il gruppo oggi capitanato da Sundar Pichai era stata l'associazione di categoria Authors Guild in rappresentanza dei produttori di contenuti, era il settembre del 2005. I diversi gradi di giudizio affrontati fino ad ora non erano stati tutti favoreveli a Google che rischiava di dover pagare sanzioni anche molto pesanti dal punto di vista economico.

Nello specifico la Corte Suprema avrebbe deciso di non confermare il verdetto espresso in precenza dalla Corte di Appello, secondo il massimo collegio americano Google Books rappresenterebbe infatti un servizio pensato a beneficio dei lettori, motivo per il quale non potrebbe essere definito come illegittimo.

Autori ed editori avevano deciso di formulare una petizione da presentare alla Corte Suprema sperando che i giudici di quest'ultima riconoscessero l'esistenza di un rischio per l'integrità dei copyright, a loro parere infatti Google Books dovrebbe essere considerata un'operazione di carattere commerciale e non un servizio di pubblica utilità.

Le motivazioni espresse dai componenti della Authors Guild non sono state accolte e i responsabili di quest'ultima avrebbero commentato l'esito della vicenda utilizzando i termini "sconfitta colossale"; secondo l'associazione infatti, a qualsiasi contenuto copiato e pubblicato online dovrebbe corrispondere un adeguato compenso per gli autori.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti