Google: calo di profitti per la Cloud Platform

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Google: calo di profitti per la Cloud Platform

La ultime trimestrali di cassa presentate da Microsoft e Amazon contenevano dati molto incoraggianti per quanto riguarda le attività legate al Cloud, sia Azure che AWS (Amazon Web Service) sono cresciute notevolmente rispetto allo stesso periodo dello scorso anno dimostrando ancora una volta quanto tale settore possa essere remunerativo.

Tra i grandi nomi che hanno investito in questo tipo di infrastrutture e puntano su di esso per la propria crescita farebbe invece eccezione Alphabet, il conglomerato finanziario di cui fa parte Google, che nonostante un complessivo incremento sia in termini di fatturato che di profitti avrebbe registrato un sostanziale calo delle entrate derivanti dalla Cloud Platform.

Come anticipato, i numeri comunicati agli azionisti sarebbero comunque positivi per Big G, nel trimestre considerato i ricavi sarebbero stati infatti pari a 182.5 miliardi di dollari con utili netti per 15.6 miliardi. Il buon andamento sarebbe stato motivato in particolare dalle performance dei Google Services tra i quali rientrano anche la pubblicità, il Google Play Store e il motore di ricerca.

Cresce il fatturato ma gli utili non abbastanza

Per contro la Google Cloud Platform avrebbe sì registrato un incremento del fatturato ma non si sarebbe dimostrata abbastanza performante dal punto di vista degli utili. La perdita rispetto allo stesso quarto dell'anno precedente sarebbe stata di 1.2 miliardi di dollari, mentre quella dell'intero 2020 si sarebbe attestata sui 5.6 miliardi.

Non si tratta certamente di una buona notizia per Mountain View ma, a differenza di quanto accade per Redmond e Seattle, il Cloud non rappresenta ancora un settore strategico per il business di Sundar Pichai e soci. Ciò significa che grazie alle entrate derivanti da le altre divisioni la compagnia potrà continuare ad investire sul Cloud sopportando eventuali perdite.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti