Google chiude Picasa

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteUn manager di Amazon a Palazzo Chigi
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

I vertici di Mountain View avrebbero deciso di tagliare un altro "ramo secco", Picasa infatti dovrebbe essere soltanto l'ultimo servizio a raggiungere la fine del suo ciclo di vita dopo una storia di breve durata e un successo non particolarmente rilevante a livello di utenza; Google, è noto, sperimenta nuove soluzioni con coraggio e tenendo conto di tutte le possibili conseguenze, tra cui il possibile insuccesso.

A dire il vero Picasa non potrebbe essere considerato un vero e proprio insuccesso, o almeno non nella misura di altri progetti sfortunati quali per esempio il social network Buzz, molto più semplicemente si tratta di una piattaforma che presenta numerose alternative più avanzate in grado di renderla una realtà obsolescente.

Picasa era stato messo a disposizione come uno strumento con il quale organizzare la proprie immagini digitali così come i propri video; il servizio integrava anche alcune funzionalità essenziali per la grafica e il fotoritocco, utili per chiunque desiderasse correggere un difetto, ridimensionare una foto o creare un elaborato da condividere.

E' chiaro però che Picasa non dispone di features avanzate come per esempio quelle di Instagram (che Facebook ha fatto proprio per meno di un decimo di quello che ha pagato per WhatsApp) o Flickr; se poi per quanto riguarda la grafica ci si riferisce ad uno standard come Photoshop il confronto risulta addirittura impossibile.

Continua dopo la pubblicità...

L'applicazione Desktop di Picasa non verrà più supportata a partire dal 15 marzo 2016, mentre dal 1 maggio 2016 si potrà utilizzare la versione Web soltanto per visualizzare album e file o cancellarli, non vi sarà la possibilità di creare nuovi album, aggiungere immagini o apportare modifiche; le risorse impegnate in questo progetto verranno plausibilmente spostate su Google Foto.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.