Google+ compie 4 anni

Google+, il social network di Mountain View, ha compiuto i suoi primi 4 anni di vita, ammesso che il progetto abbia realmente un futuro; la piattaforma venne pubblicata su Internet il 28 giugno del 2011 come risposta a realtà di successo quali il Sito in Blue e Twitter ma, nonostante i numeri elevati in termini di utenza, non è stata mai baciata dal successo.

Nel corso del quadriennio in oggetto i responsabili di Google+ si sono profusi in sforzi titanici per rendere la sua community sempre più attiva e interessata, numerosi feedback si sono trasformati in nuove funzionalità, basti pensare alla recente separazione della "costola" Google Foto; ma rimane sempre il sospetto che il social network non sopravviverebbe a lungo fuori dal network di Big G.

Continua dopo la pubblicità...

Il problema maggiore di Mountain View non sarebbe quindi l'entità dell'utenza iscritta a Google+, semmai è quella relativa all'utenza "attiva" a sucitare quelche preoccupazione presso il gruppo capitanato da Larry Page; quest'ultimo potrebbero decidere di pensionare il progetto per scongiurare la necessità di ulteriori e poco fruttuosi investimenti?

Molto probabilmente no, è invece plausibile che la scelta della corporation californiana saràì quella di rendere Google+ un servizio per la condivisione di risorse, la ricerca e la cura dei propri "contatti" sempre più integrato con gli altri tools messi a disposizione dalla stessa azienda; in questo modo il social network potrebbe aver ragione di esistere (nonostante tutto).

Per postare un commento ad un video presente su YouTube è necessario passare per Google+, idem per comunicare tramite gli Hangouts che è di fatto un'estensione di quest'ultimo che, a sua volta, richiede di attivare un account su Gmail per l'accesso. Insomma, Google+ è parte di Google, sul Web come sulle App mobili, per cui l'appuntamento con la sua dismissinone non sarebbe imminente.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.